Posts or Comments 16 December 2017

Ordini daviglo Ca'Ossi | 06 Mar 2012 01:00 pm

inGASati al bivio: come associarsi? Scade il 21 marzo 2012

IL SONDAGGIO È CHIUSO

RISULTATI (scaricabili nel dettaglio anche qui: RisultatiDoodle-sondaggio-associazione.pdf)

Partecipanti: 62

Opzione A – Gaia: 3 voti

Opzione B – 3-4 associazioni distinte: 37 voti

Opzione C – Associazione unica: 22 voti

Come procediamo? Fuoco alle micce nei commenti!!!

Ho provato a raccogliere le idee sulle cose che abbiamo detto alla riunione di venerdì. Ho cercato di esporre pro e contro delle 3 possibilità che si sono delineate e su cui abbiamo discusso alla riunione. Le riporto di seguito in questo post.

Leggetele e fatevi un’idea. Potete anche scaricarvi un PDF di questo documento: TipiAssociazione-PRO-CONTRO.  Dopoiché esprimete il vostro voto sull’apposito sondaggio Doodle che trovate a questa paginahttp://goo.gl/IoQWQ (come deciso alla riunione, il sondaggio chiuderà improrogabilmente il 21 marzo)

PS:  io ho scritto tutto quello che mi ricordavo (e che ho capito) nel modo spero più imparziale possibile. Naturalmente nei commenti aggiungete tutti i pro e tutti i contro che ritenete opportuni e che magari ho dimenticato, in modo che tutti possano leggerli. L’invito a tutti, quindi è di leggere non solo il post ma anche tutti i commenti che seguiranno. È una cosa importante! Ne usciremo alla grande!

Davide

Attenzione: la discussione su PRO e CONTRO delle diverse opzioni è divisa in 4 pagine. Leggetele tutte e non tralasciate i commenti!!!

Pagine: 1 2 3 4

48 commento a “inGASati al bivio: come associarsi? Scade il 21 marzo 2012”

  1. il 05 Mar 2012 alle 19:36 1.danielaf GasRage said …

    io ho fatto la mia scelta ma specifico meglio qui:
    associazione unica con vari conti correnti: uno per sottogruppo, e presidente sorteggiato con qualche forma avanguardista di selezione tipo quelle ipotizzate alla riunione, cio di pescaggio casuale tra vari codici fiscali.
    il presidente cambia al max ogni 2 anni, anche se sarebbe meglio ogni anno…poi si vede come ci si trova con quello sorteggiato dal fato 😉
    ciao cari,
    buona settimana a tutti!
    D

  2. il 06 Mar 2012 alle 01:55 2.dadecresce Villagrappa said …

    Ciao a tutti … vorrei chiarire la mia scelta ad un primo impatto contradditoria:
    mi ha fatto molto piacere poter chiaccherare venerd sera, il confronto se tra persone intelligenti, porta alla crescita e l’evoluzione…
    Sinceramente mi sono molto stupito nel vedere la poca affluenza di venerd, una scelta importante come quella che affronteremo coinvolge tutti i partecipanti, non solamente Cassieri e Presidente (futuro ed eventuale).
    In Generale il documento di Davide molto preciso ed esaustivo, per questo lo ringrazio molto, ci tengo, per, a sottolineare due punti sui quali la vediamo diversamente:
    – personalmente non credo che un’eventuale presidente unico possa prendere decisioni contro l’interesse dell’associazione, almeno finch valgono le regole di democrazia partecipativa, credo che basti non trascurare il punto nello statuto e tutto si risolve.
    – per quel che riguarda il conto bancario, una volta che si hanno tutte le fatture (12 al mese?) , i bonifici effettuati si vedono dal conto, con un excel fatto bene non ci dovrebbero essere grosse difficolt a far tornare i conti.

    Come tutti sanno mi ero proposto con l’ipotesi GAIA e come tutti possono vedere, ho votato per l’associazione unica…Credo veramente che una soluzione valga l’altra, per me meglio Associazione unica e conto unico…se poi sar GAIA tanto meglio!!!
    In ogni caso vi terr informati, c’ assoluto bisogno di InGASati per diffondere la Cultura della Sostenibilit a Forl!

  3. il 06 Mar 2012 alle 13:36 3.Romeo G. Meldola said …

    Penso che la rappresentativit individuale va salvaguardata in ogni modo a ringrazio Davide per il grande lavorone!. Io sinceramente penso che forse il Presidente lo troveremo in un modo o nell’altro, altro conto il cassiere tesoriere che non mi pare sia emerso in caso di unica Associazione dalla riunione passata e che per me faticher ad esprimersi entro la scadenza del sondaggio e forse anche oltre.

    Quello ha un compito veramente delicato a gestire un unico Gruppo e dubito che una persona che lavora riesca a farlo se prima non si chiarisce bene come gestiremo i pagamenti ed il conto.

    Io rimango dell’idea che una “federazione di associazioni inGASate” sia la formula pi aperta al moltiplicarsi dei gasisti e dei progetti vari anche perch favorisce sia eventuali sperimentazioni (pensiamo per esempio se volessimo provare altre ipotesi oltre al prepagato che tipo di complicazioni ci sarebbero per una gestione centralizzata della contabilit…) cos come aperta a nuovi consistenti ingressi (esempio di sottogruppo dal Comune o dei lavoratori di un’azienda che per il momento sta a guardarci alla finestra… :-).
    Comunque ho la sicurezza assoluta che raggiungeremo la soluzione migliore per tutti noi!

    Sulla deriva penso non ci siano problemi nel senso che daremo al consiglio importanti compiti che possono anche arrivare alla “destituzione con igniominia del Presidente” 🙂
    In pi io smetterei di definirlo Presidente anche se amministrativamente sar definito cos ma a definirci tutti “gasisti NON presidenti”

    Appena avr tempo mi metter dietro a studiare lo statuto migliore mediandolo e personalizzandolo a noi per metterlo al Vostro giudizio.

    Grazie ancora Davide!

    Saluti radiosi

  4. il 06 Mar 2012 alle 15:57 4.Letizia GasRage said …

    che lavorone ragazzi!

    mi dispiace davvero non esserci stata venerd…sono un po’ logorata dagli eventi, bisogna che mi riapproprio della mia vita ingasata per stare meglio.
    comunque a proposito delle poposte. io tenderei a preferire l’associazione unica. non vedo grossi rischi di un/a presidente o di un consiglio strapotenti, quello dipende da noi! vedo per il ruolo di cassiere/tesoriere come molto faticoso. Prima di votare per mi piacerebbe sapere (forse gi venuto fuori, perdonatemi) se abbiamo sentito esperienze e testimonianze di altri gas. e poi prometto che torno presto…

    grazie a tutti per gli spunti e l’energia, letizia

  5. il 06 Mar 2012 alle 20:57 5.cri Gasrage said …

    ciao!!! ancora non ho votato e non ho letto tutto quanto il lavorone Davide, ma …. avete visto il nuovo numero di “a tutto gas” ?? parla di come nata l’associazione Vivgas di VillaVerrucchio… loro hanno scelto l’associazione APS (Ass.promozione sociale) e hanno uno statuto a cui potremmo “attingere” …inoltre c’ pure una mail a cui potremmo chiedere consigli/informazioni (o qualcuno di noi conosce qualcuno di loro??).
    Quello che mi piacerebbe sapere come fanno gli altri GASSOCIAZIONI 🙂 con il tesoriere/cassiere, esiste un programmino per facilitare i conti?? La banca Etica mette a disposizione qualcosa di pratico in tal senso??
    Si possono Aprire pi conti correnti (tanti quanti sono i sottogruppi) con lo stesso codice fiscale (dell’unica associazione) ?? questo potrebbe aiutare i cassieri (in fin dei conti in questo modo, a parte l’iban non cambierebbe nulla)
    bon per ora non riesco a pensare a null’altro
    cri

  6. il 06 Mar 2012 alle 21:45 6.Pietro Meldola said …

    Per saperne di pi su villaverucchio e su associazionigas, Federica un’esperta, se Romeo e Davide vogliono contattarla:
    federicarn74@gmail.com
    Vediamo cosa dice Fede e poi voto
    abbracci
    Pietro

  7. il 07 Mar 2012 alle 06:38 7.Romeo G. Meldola said …

    Banca etica mette a disposzione un conto corrente creato proprio per i GAS con codnizioni agevolate (http://www.bancaetica.com/Content.ep3?CAT_ID=31844&ID=788201)

    La APS per quanto ne so PARECCHIO soggetta a controlli della Finanza proprio per la sua natura Sociale e perch come al solito in Italia tanti (troppi) se ne sono approfittati utilizzando a fini discutibili questa “Promozione Sociale” ….
    Io signori miei non posso continuamente stare a difendermi anche dalla Finanza…. mi spiace.
    La APS poi pu risentire di agevolazioni fiscali e, sinceramente, io penso che il GAS deve autosostenersi vedendo come va l’Italia di ora (con questo non nascondo la mia ammirazione per chi ha fatto questa scelta!).
    Sul “Pi conti”, come ci siamo detti la sera della riunione, sicuramente possibile (d’altronde ognuno di noi pu aprirne pi d’uno come persona fisica … ) ma se facciamo un conto ogni sottogruppo sarebbe utile poi sempre una fattura ogni sottogruppo oppure, come faceva notare anche Diego quella sera, occorre attendere prima di pagare che l’ultimo sottogruppo abbia riscontrato la correttezza dell’ordine e addebitato la spesa ai propri iscritti prima di far il pagamento unico … e questo potrebbe ritardare i pagamenti. Inoltre quale sottogruppo pagherebbe l’ordine complessivo ricevendo il pagamento degli altri sottogruppi? lo estraiamo a sorte?
    Se facciamo comunque una fattura per sottogruppo io non ci vedo perch non tenere contabilmente distinta l’associazione tanto abbiamo detto che facciamo una federazione di associazioni con lo stesso identico “Non Statuto” e “Sregolamento”…. cosa cambia?

    Spero comunque che qualcuno contatti Federica e magari si faccia spiegare meglio il loro punto di vista.

    Saluti radiosi

  8. il 07 Mar 2012 alle 12:01 8.daviglo CaOssi said …

    Quindi, Romeo, come tipo di associazione tu quale proporresti? L'”Associazione senza scopo di lucro“? Mi pare che era uno dei due modelli (il pi semplice) in un documento che ci avevi inoltrato tempo fa (verso met gennaio). Il “Sergio Venezia” di cui ci hai parlato alla riunione, invece consiglia l’Associazione di Promozione Sociale.

    Io sarei per quella pi semplice possibile e quella meno soggetta a controlli ecc. Tanto noi non dobbiamo chiedere niente a nessuno…

    Per chi vuole leggerlo, il documento che Romeo aveva inoltrato l’ho caricato a questo indirizzo: goo.gl/JmMDW

    Comunque credo che questo sia il passaggio successivo (“dettagli tecnici” ahim) dopo che come gruppo avremo scelto che struttura darci.

    Davide

    PS: CONSIGLIO “INTERESSATO” a chi deve ancora votare. Nella scelta date un peso anche a quale delle tre opzioni presuppone meno lavoro per i cassieri… (e in generale meno lavoro per tutti)

  9. il 07 Mar 2012 alle 13:37 9.cri Gasrage said …

    ho mandato la mail alla federica del gas di villa verucchio, appena avr la risp ve la giro.
    Per quanto riguarda le fatturazioni diverse per i vari sottogruppi, io, a suo tempo, come referente della carta igienica, avevo contattato la byness che non avrebbe alcun problema a fare diverse fatture. Per l’ordine dovr essere unico, perch il minimo ordinabile il bancale intero e i piccoli gruppi non ci arriverebbero da soli.
    vado un p di fretta. ciao a tutti
    cri

  10. il 07 Mar 2012 alle 22:11 10.DiegoB GasRage said …

    Sono cose che ho gi detto in riunione o scritto in qualche post precedente, ma ribadisco…
    Apparentemente l’associazione unica la soluzione pi facile e meno complessa, in realt a me sembra il contrario.
    Rende necessario trovare un cassiere disposto a preparare, alla fine dell’anno, un rendiconto economico e finanziario della gestione unica, cio delle operazioni di tutti i gruppi di tutto l’anno (che a questo punto obbligatorio fare). Come obbligatorio tenere un libro degli associati con movimenti entrati-usciti che, gestendo 30/40 persone banale, gestendone 120 lo un po’ meno.
    Come dice Romeo, d meno spazio alle sperimentazioni e impegna il “presidente” o comunque lo si voglia chiamare su dei numeri piuttosto rilevanti.
    A fronte di questo io non vedo grandi vantaggi, se non quello di rimanere una cosa unica e “grande”, ma se la preoccupazione di molti quella di non rendersi visibili, ha senso?
    Comunque attendo anch’io illuminazioni da altre esperienze e nell’attesa, saluto.
    Diego

  11. il 08 Mar 2012 alle 09:30 11.daviglo CaOssi said …

    Concordo con Diego e penso che alla fine noi voteremo l’opzione delle 4-5 associazioni. Nel frattempo mi venuto in mente un altro CONTRO che aggiungo qua (ma penso che si possa trovare una soluzione, in qualche modo).

    4-5 associazioni
    CONTRO
    Non si potranno pi fare passaggi di soldi tra sottogruppi (oppure bisogna alambiccarsi per capire come farli): infatti sarebbero delle operazioni di pagamento da un’associazione a un’altra che contabilmente non si potrebbero giustificare (se qualcuno sa il contrario, smentisca). Noi cassieri al momento attuale facciamo diverse volte questi passaggi perch capitano errori negli ordini ecc. (p.es. un ingasato viene fatturato al gasrage invece che a caossi ecc.). Come si pu risolvere questa situazione?

    Davide

    PS: io e Diego ci siamo espressi. Gli altri cassieri cosa dicono? Sarebbe importante conoscere la loro opinione in merito, visto che tutta questa cosa dell’associazione la stiamo mettendo in piedi per tutelare chi gestisce le casse…

  12. il 09 Mar 2012 alle 10:45 12.Silia Villagrappa said …

    ecco un’altra cassiera all’appello.

    Sono molto confusa e anche, non lo nego, piuttosto spaventata.
    Forse per voi gestire 30-40 persone banale, ma per me no e nel nostro gruppo continuano ad affluire altre persone. Il fatto che man mano che si cresce si debba necessariamente gemmare un altro fattore che bisogna considerare. A quel punto deve nascere la quinta, la sesta ..associazione.
    Idealmente mi sento pi in linea con l’associazione unica con diversi conti ma vedo anche necessaria una condivisione assoluta della linea di gestione dei conti.
    Nel senso che fin’ora ciascuno si organizzato come meglio ha potuto e con i mezzi mentali e tecnologici che ha trovato (i miei sono scarsissimi), ma se dobbiamo gestire conti e rendicontazioni, necessario usare tutti la stessa metodologia e trovare dei momenti nel corso dell’anno di formazione e di “allineamento”.
    Lo scoglio il cassiere unico che si deve fare un discreto mazzo. Pagarlo? Cos l’associazione d anche del lavoro? Era venuta fuori alla riunione questa eventualit che a me sembra buona.
    Altra cosa: vi sembra possibile la rotazione, oltre che del NONpresidente, anche dei cassieri? Troppo incasinato il passaggio di mano? Saremo cassieri a vita?
    Infine: i cassieri non possono fare anche i referenti di un prodotto!
    SOLIDALE significa anche alleggerire lo zaino del vicino e riempire un po’ il proprio.
    silvia

  13. il 09 Mar 2012 alle 13:30 13.Romeo G. Meldola said …

    Per me non deve esistere il cassiere a vita ed io ne sono la dimostrazione … ad un certo punto mi subentrato ANdrea e penso che quando lui si sar stancato ne subentrer un altro.

    I cassieri possono avvalersi della loro mailing list per comunicare tra loro e penso che sar sicuramente indispensabile che quando avremo decido si confrontino epr fare tutti il pi possibile uguale ed evitare casini vari.

    Anche io convengo che il parere dei casieri sia da tenere in assoluta considerazione perch il mazzo maggiore sicuramente se lo fanno loro a tenere in ordine i conti e concordo al 100 % con il fatto che il cassiere non deve referenziare … ne ha gi a basta.

    Per me si deve mettere sul piatto le eventuali referenze del cassiere, si trova un nuovo referente si continua quell’acquisto oppure … si abbandona!

    Grazie, saluti radiosi

  14. il 10 Mar 2012 alle 14:15 14.monimon GasRage said …

    Direi che i cassieri devono avere grande peso in questa scelta.
    Io ho votato per tante piccole associazioni perch
    Diego il “magnifico ” nostro cassiere mi ha completamente convinta
    …ero partita con idea diversa ma indubbiamente le micro associazioni forse rispettano meglio la nostra struttura e comunque sono pi facili da gestire.
    MONIMON

  15. il 10 Mar 2012 alle 14:15 15.cri Gasrage said …

    AGGIORNAMENTO: avevo chiesto l’opinione di Federica di Villaverrucchio (Gassociazione da poco) e ci eravamo date appuntamento via Skype ieri sera alle 21, ma ha avuto da fare e mi ha tirato il pacco 🙂 , cos sto aspettando con ansia una sua mail che poi vi rigirer !! Si era anche gentilmente offerta per venire a parlare in una plenaria…
    Tanto per avere un’altra esperienza, magari loro sono pi piccoli e quindi il problema loro relativo, ma era per capire come si organizzano gli altri…. magari non ci servir a nulla, ma almeno ci abbiamo provato!!
    Volevo chiedere qualcosa anche ai Malatesta di Cesena, ma ho letto nel loro sito che non sono ancora associazione… Quali sono gli altri gas che sono gi associazione?? (non cooperativa!)

  16. il 10 Mar 2012 alle 19:29 16.LuisaCR Gasrage said …

    Ciao, io ancora non sono riuscita a farmi un’idea, sono sicuramente favorevole all’associazione unica: ma le opinioni dei cassieri pesano come “macigni” 🙂

    Una cosa: di quali numeri parliamo? come Gasrage siamo un gruppone corposo, gli altri quanti sono?

    Lo statuto per un’associazione o per pi non diverso, ci vogliono comunque un presidente, un cassiere e dei consiglieri. Io ho molto apprezzato come lavora l’avv. Ferrante di Padova, si potrebbe chiedere un parere.

    http://associazioni.avvocatoferrante.it/onlus/79-consulenza-per-costituire-una-onlus.html

  17. il 10 Mar 2012 alle 21:27 17.Lake Gasrage said …

    Anch’io io ho votato associandoni a monimon e naturamente Diego che il piu”intessato”e con pi voce in capitolo.Lake

  18. il 11 Mar 2012 alle 15:10 18.PaoloR GasRage said …

    Carissimi, sabaro scorso la lobby “100 vetrine” al ritrovo del gasrage ha evangelizzato alla grande

    mi giunta voce che fossi indicato a qualcje carica ribadisco qui che si ok io ci sto ma alla condinzioe inprescindibile che vengano indette elezoni primarie.

    Venerdi prossimo 16 alcuni componenti del Gasrage si vedranno dopo cena per dibattere di queste cose ma soprattutto per assaggiare birre di cui fare poi un ordine con il gas…chi volesse pu raggiungerci al BarBeer Via Decio Raggi, 25

  19. il 11 Mar 2012 alle 19:12 19.cri Gasrage said …

    ma veramente si era detto venerd 23 per la birretta!!!! Partiamo male per le primarie 🙂 !!!
    Se passi a presidente ti toccher farti una segretaria !! (“Farti” nel senso di “assumere”…. hahahahah)

  20. il 12 Mar 2012 alle 22:18 20.Letizia GasRage said …

    sabato al gasrage si parlava di un’associazione ma con 4-5 conti separati…si pu fare o macchinoso secondo voi?
    comunque, nel caso di 4-5 associazioni io non vedo un vero pericolo di frammentazione…anche l dipende da noi. d’altronde la frammentazione avrebbe potuto avvenire gi con la separazione in sottogruppi, non credete?

  21. il 13 Mar 2012 alle 00:35 21.stefanoF GasRage said …

    Con un po’ di ritardo rispondo sinteticamente alle domande, che ho sentito circolare, relative alle responsabilit giuridiche del presidente di un’associazione non riconosciuta, ovvero il tipo di organizzazione formale in cui dovremmo, speriamo, evolvere.
    Cercher di essere sintetico, rimandando ad ulteriori commenti eventuali approfondimenti.
    Anzitutto, quanto alla responsabilit civile, occorre precisare che in un’associazione non riconosciuta (cio non iscritta al registro delle persone giuridiche) vige il principio (espresso dall’art. 38 Cod. Civ.) in base al quale delle obbligazioni sociali (cio dei debiti contratti e/o dei danni cagionati), risponde sia l’associazione stessa con il proprio patrimonio, sia personalmente e solidalmente coloro che abbiano agito in nome e per conto dell’associazione. Ci significa che un creditore dell’associazione pu scegliere indifferentemente di rivalersi tanto sul fondo comune dell’associazione, quanto sul patrimonio di coloro che, di volta in volta, ne hanno assunto la rappresentanza, senza necessit di escutere preventivamente il patrimonio sociale.
    Quanto alle persone che possono essere chiamate a rispondere, annoveriamo sicuramente il presidente, ma anche altri amministratori (tesoriere/cassiere, consiglieri, segretario, ecc.) che abbiano assunto obbligazioni rappresentando formalmente l’associazione.
    Questo accade, generalmente, in virt di incarichi statutariamente previsti o di deleghe conferite dal presidente.
    Degli impegni contrattuali assunti dal presidente in attuazione di delibere del consiglio direttivo, rispondono, poi, solidalmente tutti i relativi membri che abbiano deliberato in tal senso.
    Da notare che, secondo un orientamento giurisprudenziale, il presidente non potrebbe invece essere chiamato a rispondere qualora riuscisse a dimostrare che altri abbiano assunto, a sua insaputa, impegni in nome e per conto dell’associazione.
    Qualora invece l’obbligazione scaturisca da fatto illecito, di questa risponde personalmente lautore dellillecito e lassociazione con il proprio patrimonio.
    Quanto, poi, alla responsabilit penale, questa potrebbe teoricamente configurarsi in capo al presidente che abbia commesso reati nell’espletazione del suo incarico.
    Personalmente non vedo situazioni particolarmente rischiose nel caso di un GAS, ma l’eventualit, seppur remota, va comunque tenuta in considerazione.
    Diversamente, molti rischi corre, per citare altri esempi, il presidente di un’associazione sportiva dilettantistica (si pensi agli eventuali infortuni e a tutti gli oneri legati alla sicurezza degli impianti sportivi dove si svolge l’attivit dell’associazione).
    Altre ipotesi di responsabilit penale potrebbero poi essere quelle legate al settore edilizio (ad esempio relative ad infortuni in un cantiere aperto presso la sede sociale)… ma anche queste non dovrebbero riguardarci!
    Ancora, anche il mancato versamento di alcuni contributi (ad es. i c.d. DM10) in favore di eventuali dipendenti pu comportare responsabilit penali (dunque attenzione ad assumere qualcuno con contratti di lavoro subordinato).
    E con questa ipotesi si apre l’ultimo capitolo importante, ovvero quello relativo alle responsabilit di ordine fiscale. L’associazione non riconosciuta ha un regime fiscale molto semplice e minimale, ma occorre pur sempre evadere le relative incombenze, e la relativa responsabilit compete al presidente.
    Infine, gli statuti prevedono normalmente che il presidente debba vigilare sull’attuazione delle delibere del consiglio direttivo e dell’assemblea dei soci e sul rispetto delle stesse disposizione statutarie.
    Per concludere, come potete vedere, pur vero che la figura del presidente quella tendenzialmente pi esposta, ma anche gli altri amministratori (consiglieri o non-consiglieri come vorrete chiamarli), possono essere chiamati a rispondere soprattutto dei debiti contratti.
    Spero che questa breve nota posa aver fatto un po’ di chiarezza.
    Voter anch’io fra qualche giorno, dopo aver ponderato un po’ meglio la situazione.
    Ciao a tutti.
    Stefano

  22. il 13 Mar 2012 alle 12:36 22.Sarmik Gasrage said …

    Abbiamo appena cambiato il nostro voto
    Inizialmente avevamo votato per l’associazione unica perch credevo che fosse pi semplice. Consideriamo che con 4-5 associazioni bisogner trovare presidente, vice-presidente, segretario, tesoriere e consiglieri per ogni associazione.
    Per alla fine, in virt di tutto quello che hanno detto soprattutto i cassieri, ci siamo convinti (anzi mi sono convinta, e convincer Mik in separata sede :-P)
    che l’associazione unica, soprattutto se con pi conti correnti potrebbe risultare alquanto caotica.
    Teniamo presente che anche se ci fossero pi conti correnti alla fine i conti di tutti i c/c dovrebbero quadrare. Mhmmmmmm.
    Penso anche poi che con l’associazione unica tutta la burocrazia sarebbe pi pesante e che le plenarie sarebbero sacrificate spesso per eleggere le cariche, e parlare di questioni organizzative. Con pi associazioni piccole invece ogni sottogruppo potrebbe utilizzare le riunioni di sottogruppo per discutere di questioni interenti l’associazione e invece continuare a dedicare le plenarie a temi interessanti, nuovi e vecchi fornitori, eventi ludici e mangerecci.
    Senza considerare poi che il carico di lavoro per tutte le cariche del consiglio sarebbe molto pi snello. Non avevo riflettuto inizialmente sul fatto che in quanto GAS le operazioni di cui dare conto sono veramente molte, rispetto ad altre associazioni in cui magari c’ l’entrata delle quote, qualche spesuccia e basta.
    Grazie a tutti per i contributi interessanti e buon voto
    Sarmik

  23. il 13 Mar 2012 alle 21:59 23.ClaRo GasRage said …

    Ciao, mi mancate!
    Mi dispiace di aver “lanciato il sasso e nascosto la mano” riguardo al tema associazione: fui fra i primi a martellare su questo chiodo e ora sono scomparsa…
    Spero di trovare il modo di partecipare di pi sia agli oneri che agli onori ludo-mangerecci.
    A presto.

  24. il 14 Mar 2012 alle 09:56 24.Anna e Fabio GasRage said …

    ciao a tutti
    scusate se anche noi stiamo al momento partecipando meno alla vita del gas, ma non per questo siamo meno interessati.
    Sono da sempre convinta che la forma pluriassociativa sia la migliore. Mi chiedo per , pensando al dopo , come verranno suddivisi i gruppi (il gasrage di cui facciamo parte forse gi troppo “grosso” per fare una associazione unica?) ad es. si potrebbe ipotizzare la gemmazione sulla base dell’anzianit di appartenenza al raggiungimento di un certo numero di appartenenti al gruppo o che altro ?
    Altra cosa: gi da ora si potrebbe fare un elenco dei problemi che negli anni hanno avuto i cassieri (voglio dire ad esempio mancati pagamenti, ecc) in modo da adottare uno statuto che possa tutelare al massimo da qualsiasi problema eventuali presidenti e consiglieri
    a presto

  25. il 14 Mar 2012 alle 10:31 25.Andrea M. Meldola said …

    Ciao a tutti, sono il cassiere del Gaspaccio di Meldola e prima di dire la mia ho preso un p di tempo per ponderare.
    Ho appena votato per la formazione delle 4-5 associazioni “federate”, con relativi conti correnti. Ritengo giusto che i vari sottogruppi abbiamo dell’autonomia per sperimentare e poter scegliere dei fornitori non comuni a tutti, anche per questioni logistiche (ad es. il panettiere che rifornisce noi meldolesi). Poi ci sono le varie particolarit da gestire e non vedo come potrebbe un unica associazione pagare il contributo ENEL e l’IMU del locale in uso al Gaspaccio che ci toccher risolvere da soli con artifici contabili… Inoltre sono convinto che un cassiere unico non si trover a meno di retribuirlo.
    Naturalmente l’associazione deve essere quella pi snella e con meno burocrazia e formalismi possibili. Per quanto riguarda la nomina dei presidenti ritengo che siamo tutti di mente sveglia ed eviteremo di sfruttarlo come tale, facendo finta che non esista.
    Metterei nello statuto che tutti gli appartenenti dell’associazione saranno obbligati a partecipare in solido per qualsivoglia problema di tipo economico e non possa verificarsi (naturalmente se non stato causato volutamente da qualcuno).
    Statemi bene.

  26. il 14 Mar 2012 alle 10:55 26.PaoloR GasRage said …

    vorrei chiedervi se fosse possibile creare in modo condiviso le varie associazioni cercando di farle pi simile possibile

  27. il 14 Mar 2012 alle 12:20 27.roberta GasRage said …

    Ciao a tutti
    essendo entrata nel GAS da poco, non ho abbastanza esperienza per dare un voto costruttivo. Leggendo quello che stato scritto fin’ora, capisco che il problema fondamentale sia gestire l’attivit dei cassieri, e credo che sia meglio gestibile un gruppo di poche persone – soprattutto perch si parla di attivit di volontariato!
    Indubbiamente i sottogruppi(e quindi le eventuale 4-5 associazioni) sono fondamentali per mantenere lo spirito del gas che avete creato fino ad ora (gi il Gasrage mi sembra tanto grande, a malapena ne ho conosciuti 5-6 e nel vedere loro tanto affiatati mi sento un estranea che passa a ritirare merce), temo che un unica associazione sia un invito a delegare il lavoro ai soliti pochi.
    Detto questo nulla toglie che se lo spirito di gruppo rimane sempre quello, e si riesce a semplificare il lavoro sfruttando al massimo la tecnologia, tutto sia possible!!
    Avete quindi escluso un eventuale aiuto di Gaia? (da esterna l’idea non mi dispiaceva, avendo capito che a loro sarebbe spettata solo la parte burocratica pi rognosa e sempre che, alla fine ,non risulti essere a un costo eccessivo-questo punto non mi chiaro: sarebbe poi a pagamento?).
    A questo punto io valuterei bene il parere dei cassieri..che ognuno di loro esponga le proprie valutazioni 🙂
    Quale pu essere la soluzione pi veloce pratica ed economica per cassieri referenti e produttori?

    IN LAK’ECH a tutti!!
    saluto Maya che significa: Tu sei un altro Me

  28. il 14 Mar 2012 alle 12:52 28.antonellaM CaOssi said …

    Ragazzi, che difficile fare la scelta giusta,
    perch ogni opzione ha i suoi risvolti positivi e negativi.
    Valutato che tutti noi abbiamo gi mille altri impegni, e che magari non sempre semplice portare avanti una referenza o un incarico, mi verrebbe da pensare che lassociazione unica con appoggio a Gaia, per gli espletamenti burocratici, potrebbe essere lopzione pi semplice.
    Poi penso che delegare potrebbe portare ad allontanare i singoli alla partecipazione al gruppo, in realt per di tanta partecipazione c sempre bisognotrasporti, smistamenti, referenze, sottorefernzeno, no, il gruppo pu essere super-unito lo stesso anche se alle questioni burocratiche pensa qualcun altro.
    Gli inGASati crescono, e si spera, che cresca sempre pi la cultura inGASata, per cui benvenuti nuovi sottogruppi, nuove gemmazioniallora forse meglio tante piccole associazioni, oppure la nascita di nuovi piccoli sottogruppi possibile anche allinterno di un supergruppone?
    Ragazzi mi prendo ancora qualche giorno poi voter!
    Grazie mille a tutti per limpegno e la competenza!!!
    AntonellaM

  29. il 14 Mar 2012 alle 13:10 29.daviglo CaOssi said …

    PER PAOLO (ma anche per tutti gli altri):

    S, l’idea delle 4-5 associazioni emersa alla riunione era quella di creare un gruppetto di persone che si studi lo statuto, le cose da fare ecc. e poi realizzare dei documenti-fotocopia (soprattutto a livello di statuto e regolamenti) in cui l’unica differenza il nome dell’associazione e i nomi di presidenti, tesorieri, consiglieri ecc.
    In questo modo dovremmo preservare, anche da un punto di vista formale (del quale in realt ci frega poco), la coerenza dei sottogruppi all’interno del GAS e soprattutto ottimizzare e ridurre al minimo il lavoro burocratico…

    Davide

  30. il 14 Mar 2012 alle 21:38 30.babs GasRage said …

    ciao a tutti e grazie,
    per tutto il lavoro svolto e per tutti i commenti che mi hanno aiutata a prendere, finalmente, una parte.
    come i pi ho scelto l’associazione multipla, 4-5 o quelle che saranno (per non vorrei mai vedere diviso il gasrage!), non per seguire la maggioranza (cielo, no!!!) ma per seguire “l’istinto” dei cassieri, quelli pi esperti o comunque pi esposti al problema, “i tecnici” 😉
    devo dire che sono quesi emozionata: come dice Romeo “stiamo scrivendo una pagina della storia ingasata”!
    anche io, come ClaRo, sento la vostra mancanza, e vorrei aver gi conosciuto Roberta… purtroppo ultimamente ordino poco (sono in bolletta dopo 1800euro di gas) e non passo all’apertura (ho iniziato il volontariato al gattile e per ora vado il sabato) ma SPERO DI VEDERVI IL 23!!!
    a prestissimo
    babs

  31. il 15 Mar 2012 alle 19:07 31.Ornella GasRage said …

    Io concordo con Monimon (ero presente alla discussione di sabato). Magari sarebbe bene non fare associazioni piccolissime, tipo 4 o 5 famiglie, ma aggregarle
    ciao

  32. il 16 Mar 2012 alle 12:47 32.Valeria_Marco GasRage said …

    Ciao a tutti,
    anche noi siamo nuovi, quindi siamo un p in difficolt non conoscendo bene le varie dinamiche, ma leggendo i commenti e dopo la riunione di un paio di settimane fa il nostro voto andato nella proposta B, ci sembra quella pi fattibile.
    Ciao

  33. il 16 Mar 2012 alle 16:14 33.roberta GasRage said …

    Per BABS,
    ciao, mi sa che ci conosciamo gi anche se non ci vediamo da tempo!! Sono la sorella di Angela…ITF ricordi?

  34. il 18 Mar 2012 alle 00:30 34.zanpao Villagrappa said …

    Il sottogruppo di Villagrappa, con ampia partecipazione, si riunito Gioved sera e si confrontato in merito alla discussione sul blog di come procedere dal punto di vista associativo… dopo lunghe valutazioni ha partorito la seguente deliberazione (votando per alzata di mano), sulla quale a breve ogni singolo associato esprimer (o ha gi espresso) il conseguente voto sul blog :

    Presenti (n. 15):
    Angelofo, Marcellosara, Davale, Annalisa, Marcomambelli, Rosanna, Simon, Giulia, Francesca, Debora, Mammarocco, Silia, Dadecresce, Silbal, Zanpao.

    Assenti (n. 03)
    Luca Bendandi, MoniaLele, Valenrico.

    Deliberazione a favore di ununica Associazione con un unico conto e un unico tesoriere (al limite retribuito) che ha ottenuto 14 preferenze su 15 (quindi tutti ad esclusione di Marco Mambelli che ha optato invece per creare 5 Associazioni).

    Valutati i pro e i contro di ogni scelta, i motivi che hanno portato a sceglier lunica Associazione sono svariati e sinteticamente riassunti nel cercare di mantenere e valorizzare lidentit e la tradizione dei Gas, con una minore frammentazione associativa per una maggiore semplificazione e coesione.
    Tecnicamente se con i consueti volontari tesorieri non si riuscisse a gestire lAssociazione e ad adempiere ai nuovi obblighi contabili si propone di utilizzare un tecnico retribuito per lo scopo.

    Personalmente auspico lapertura di un tavolo composto da 1-2 persone di ogni sottogruppo, competenti in materia contabile/informatica, per pianificare meglio gli step attuativi di quella che sar la nuova forma associativa, convinto che alla fine dopo un naturale rodaggio la gestione non sar poi cos impegnativa e difficoltosa (i cambiamenti e le strade nuove a volte appaiono piene di ostacoli che alla fine svaniscono)

    Paolo
    Zanpao Villagrappa
    Mail pzanchini@alice.it

  35. il 18 Mar 2012 alle 20:14 35.ClaudiaZ GasRage said …

    Ciao a tutti!
    Ho fatto la mia scelta anche se a fatica.

    Grazie a tutti per il lavorone, davvero!

    PS: se dovesse servire mi rendo disponibile per un eventuale aiuto informatico (per quello che posso)

  36. il 19 Mar 2012 alle 13:51 36.AlessandroS CaOssi said …

    Ciao , non ero presente all’ assemblea quindi non posso farmi un idea limpida della cosa , ma provo comunque a delineare un mio pensiero.

    Sembra che la versione “B” sia la prevalente dal sondaggio.

    Io ho votato per la “C” anche se secondo me i vari sottogruppi tramite apposito cassiere dovrebbero avere la possibilit di agire autonomamente sul conto bacario unico avendo apposite firme (5 una per sottogruoppo),
    altrimenti si rischia di appesantire troppo il responsabile unico ,

    Giudico la “B” pi dispersiva e burocratica, inoltre meno accattivante per PESO CONTRATTUALE CON I FORNITORI.

    Ciao

  37. il 19 Mar 2012 alle 18:23 37.LuisaCR Gasrage said …

    Ciao,
    ho votato per l’associazione unica (con 1 cassiere e un cc per sottogruppo) perch quella era la mia idea iniziale – anche se so che i cassieri non concordano.

    Riflettiamo per anche sulla scelta a quanto pare compatta del gruppone di Villagrappa, come anche sui molti caossini a favore dell’associazione unica.

    E mi domando allora se la soluzione non sia creare due o al massimo tre associazioni, ovvero gaspaccio, gasrage… e resto del mondo. Teniamo conto anche dei numeri.

    Luisa

  38. il 19 Mar 2012 alle 22:10 38.Pietro Meldola said …

    Ciao cari, visto che nessuno fino ad ora lo aveva fatto ho votato per Gaia, un buon sano spirito controcorrente ci vuole sempre. Se fossimo in Guatemala con gli Ixil direi che fino ad ora non siamo ancora convinti sul da farsi in quanto ci sono 31 che hanno votato le 4-5 associazioni e 20 l’associazione unica, quindi vuol dire che dobbiamo confrontarci ancora in quanto non abbiamo ancora discusso abbastanza per raggiungere un consenso popolare.
    Noi siamo gi una fantastica associazione di persone, emozioni ed idee, ci serve solo un aspetto buracratico, un mezzo (non un fine) per salvaguardare i cassieri quindi per me ogni mezzo valido, in quanto riguarda solo la parte “fredda” del nostro stare assieme ossia la burocrazia.
    Ci sar un metodo semplice, un mezzo pratico per gestire sti cacchio di euro e continuare a stare assieme come abbiamo fatto fino ad oggi ?
    abbracci
    Pietro

  39. il 20 Mar 2012 alle 15:39 39.SimonaFl (caossi) said …

    Ciao! ho votato anche se non sono sicura del voto che ho dato. Forse GAIA era la soluzione pi valida per diminuire gli impegni burocratici che non piacciono a nessuno ma poi mi sono messa nei panni dei cassieri e penso che bisogna seguire il loro pensiero visto che sono loro che fanno il lavoro pi difficile. Cos ho votato per le 4-5 associazioni. Ciao e grazie mille per il lungo lavoro svolto! SimonaFl

  40. il 20 Mar 2012 alle 23:51 40.Irene e Arturo Meldola said …

    voto Gaia, gli obblighi burocratici non piacciono a nessuno oppure tante piccole associazioni se qualcuno se la sente di assumersi volontariamente questo impegno.
    Grazie al ciclopico lavoro che svolgono attualmente i cassieri.
    Irene

  41. il 21 Mar 2012 alle 13:30 41.cri Gasrage said …

    allora ho aspettato fino all’ultimo se arrivava la mail della Federica di ViVeGas, ma non arrivata 🙁
    lo so che loro sono molto pi piccoli di noi, ma era per avere un barlume di luce nel buio pi totale della mia mente!!
    cmq sia, leggendo l’ultimo commento di Pietro, mi venuta UN’ALTRA IDEUCCIA, tanto per mischiare un altro p le carte 🙂
    All’inizio ero per l’associazione unica, poi mettendomi nei panni dei cassieri, sono passata alle 3/4 associazioni (pensado che la finestra sul gas e caossi potrebbero unirsi);

    GAIA non l’avevo proprio presa in considerazione, perch 1) sinceramente (anche dopo la plenaria) non ho mica ben capito cosa fanno in concreto 2) dare cos tanti soldi a chi non si conosce proprio bene-bene forse un p “azzardato” (non voglio polemizzare e non ce l’ho con nessuno, ma cos !) – (PaoloR sa….hihihi)

    Per poi Pietro mi ha fatto accendere una lampadina, ma non so se fattibile: visto che l’ombra di Serpico incombe su di noi, stare aspettare ancora che le idee ci si schiariscano di pi (cosa che dubito) rischioso, allora perch non provare MOMENTANEAMENTE con Gaia, senza stare a creare/fare/disfare etc etc… facciamo 2 righe scritte “inter-nos” , diamoci un tempo limite per l’assestamento e per vedere se pu funzionare, conosciamoli meglio ‘sti “gaiani” e “apriamo le menti a nuovi orizzonti” 🙂 …. poi se il “matrimonio” costa troppo (tempo/fatica/denaro altro), si f un divorzietto consensuale e amici come prima, e gli INGASATI poi valuteranno solo su 2 opzioni (o forse a quel punto ne sar rimasta solo una: le 2/3 associazioni)

    Tutto questo era per giustificare il mio voto: ho detto una stronzata???
    Cri

  42. il 21 Mar 2012 alle 20:28 42.Claudia_Matteo CaOssi said …

    La mia impressione dopo la plenaria che se Gaia fosse entrata prima nel gas (e non parlo solo di sottogruppo, a Villagrappa li conoscono, ma noi non li avevamo mai visti) probabilmente aveva molto senso appoggiarsi a loro. Ma per quel che la mia esperienza, queste cose te le devi sentire che ti appartengono. Quindi Gaia ancora non la sento ancora dentro il Gas [es. si era parlato di un nostro coinvolgimento per la 2 giorni alla fabbrica delle candele.. ma non ho saputo pi nulla – o mi sono persa i messaggi che ne parlavano- il 31/3 e il 1/4 sono alle porte e io, anche se interessata, ho gi un altro impegno]
    Penso che per quel che ho sentito muoversi.. l’idea della federazione di associazioni la pi bella sulla carta. Ma poi in pratica gi difficile trovare un presidente, un cassiere e star dietro a un foglio.. e trovarne 4 o 5 per noi sarebbe dura. Implicherebbe probabilmente riunioni su riunioni (stiamo ancora aspettando la riunione dei referenti o quella dei bidelli informatici) e soprattutto in realt come C ‘Ossi dove difficile trovarsi – non c’ la sede unica che anche ritrovo settimanale e luogo di scambi d’opinione – la vedo dura. Penso sia dura trovare un presidente e l’idea che ho letto da qualche parte che ogni 6 mesi lo si deve cambiare mi fa paura, perch poi la gente non ha voglia di diventare matta . Un conto prendersi un impegno, un conto rimuginare ogni volta riunioni su riunioni per cambiare presidente etc.. cerchiamo di semplificarci la vita il pi possibile. Penso sia anche interessante la proposta (mi pare di villagrappa), se serve, di stipendiare qualcuno che ci tenga la contabilit, le associazioni di promozione sociale lo prevedono, perch no con questa crisi?

  43. il 22 Mar 2012 alle 07:22 43.antonellaM CaOssi said …

    Ho scelto le 4-5 piccole associazioni perch mi sembra la scelta pi semplice, e c’ bisogno di una scelta veloce sopratutto per il lavoro dei cassieri. Per mi sembra bene non escludere l’appoggio ad una struttura esterna (Gaia?), o a una persona che dia una mano eventualmente stipendiata. Il Gas non deve diventare troppo un sovraccarico solo per alcune persone, e gli inGASati sono oramai tanti, forse veramente basterebbe una piccola quota a testa per togliersi alcune beghe burocratiche.
    Un super saluto a tutti!
    Siamo proprio un bel gruppo!
    AntonellaM

  44. il 22 Mar 2012 alle 11:54 44.daviglo CaOssi said …

    SONDAGGIO CHIUSO

    Dal sondaggio la scelta preponderante risulta essere quella delle 4 associazioni distinte. Senza perdere altro tempo in elucubrazioni infinite io direi di cominciare a procedere (poi, se le cose non dovessero funzionare con questo sistema, a tornare indietro e prendere un’altra strada si fa sempre in tempo, per penso sia urgente agire in una direzione o un’altra, per mettere a posto i cassieri).

    Le 4 associazioni dovrebbero essere (in rigoroso ordine alfabetico):
    inGASati-CaOssi
    inGASati-GasRage
    inGASati-Meldola
    inGASati-Villagrappa

    Bisogna:

  45. trovare un gruppo di persone (2-3) che elabori uno statuto da proporre a tutti (che poi sar copincollato per le 4 associazioni)-> stabilire come ci si iscrive all’associazione (quota di iscrizione? Regolamento? Boh? Romeo era gi uno dei volontari)
  46. fare una riunione dei cassieri per stabilire come muoversi a livello di casse (gestione dei vecchi ingasati che hanno lasciato debiti o crediti, gestione dei nuovi crediti – servono definizioni da inserire nello statuto o nel regolamento: Diego illuminaci!!!)
  47. registrare lo statuto presso l’agenzia delle entrate (stratagemma dei francobolli di Romeo)? Chi va?
  48. fare le riunioni di sottogruppo per nominare presidenti, consiglieri ecc. che saranno solo incarichi formali necessari per legge, ma senza potere di rappresentanza (si pu scrivere nello statuto questa cosa?)
  49. fattibile arrivare alla riunione del 6 aprile con una bozza di statuto? fattibile chiudere tutte queste faccende entro la fine di aprile, cos da cominciare a maggio con la nuova gestione? Dai che ce la facciamo!!!

    Davide

  50. il 22 Mar 2012 alle 15:37 45.daviglo CaOssi said …

    PS:
    La Finestra sul GAS non inserita nell’elenco delle associazione perch qualche giorno fa ha scritto in lista (o forse era solo la lista cassieri e disinfo, non so) che ha deciso di sciogliersi e aggregarsi a un altro sottogruppo (credo che ancora debbano decidere quale) perch sono troppo pochi per fare un’associazione.

    Naturalmente se ci ripensano e vogliono fare la quinta associazione (e diventare territoriali, magari alleggerendo un pezzo del gasrage), ben vengano…

    Davide

  51. il 22 Mar 2012 alle 19:07 46.PaoloR GasRage said …

    E se un sottogruppo tra quelli elencati non trovasse il modo e/o la volota e/o le persone per istituire l’associazione???

  52. il 22 Mar 2012 alle 21:29 47.ClaRo GasRage said …

    E SE…
    per il momento invece di 4 associazioni ne facessimo solo 2 ?

    INGASATI-MELDOLA
    INGASATI-FORLI (che rimane suddivisa in sottogruppi come ora solo internamente)

    Casomai tra forlivesi possiamo “staccarci” in un secondo momento, cos dobbiamo trovare meno presidenti e compagnia bella.

    Per i cassieri un casino?

Subscribe to the comments through RSS Feed

Lascia un commento

Per inserire commenti clicca qui.