Posts or Comments 22 August 2017

Riflessioni Romeo G. Meldola | 26 Ott 2013 08:01 am

Riparazione programmata e Repair Cafè

Devo ammetterlo .. .questa cosa mi piace ed entusiasma allo stesso tempo … Grazie Jacopo!!!

Nato in Olanda nel 2009, grazie all’ecologista Martine Postma, il movimento dei Repair Cafè sta lentamente prendendo piede in tutta Europa, in opposizione all’obsolescenza programmata dei prodotti. Nel tempo dell’usa e getta, di merci che non funzionano più dopo un determinato periodo di tempo, con ricambi introvabili o troppo cari, gruppi di esperti elettricisti, sarti, falegnami e riparatori di tutti i tipi si ritrovano in luoghi dotati di stampanti 3D per realizzare i pezzi di ricambio e per darsi una mano nelle riparazioni.
Il 44% degli oggetti termina la propria vita senza nemmeno un tentativo di riparazione. I Repair Cafè stanno nascendo un po’ ovunque, dall’America, al Canada, passando per Francia, Olanda, Germania e Italia, con due sedi a Pisa e Vignola (Modena).
Tutto ciò in attesa di interventi legislativi a difesa del consumatore, per obbligare le aziende a produrre pezzi intercambiabili, libretti delle istruzioni per generare ricambi con stampanti 3D e detassare le riparazioni.
(Fonte: Tom’s Hardware, segnalata da Davide Calabria)

 

Saluti radiosi

8 commento a “Riparazione programmata e Repair Cafè”

  1. il 26 Ott 2013 alle 15:10 1.Cri Gasrage said …

    il messaggio subliminale è che ne potremmo mettere su uno anche noi ??? 🙂
    il mio moroso fà il falegname, la Paola Colagrossi si diletta in sartoria la Babs o la Zecchini ci trovano la stampante 3D ( che non ho ben capito a cosa serva ) ….. et voilà !!!Le repair cafè je fait

  2. il 26 Ott 2013 alle 18:17 2.Romeo G. Meldola said …

    COme sei perspicace … finanzierei un progetto del genere anche andando a fare i debiti … anche se già li ho per la ristrutturazione della casa 🙂

    Dai … organizziamoci e magari andiamo a vedere quelli già in essere …

    Saluti radiosi

  3. il 28 Ott 2013 alle 10:39 3.daviglo Ca'Ossi said …

    Sì, ma intanto si potrebbe cominciare con ciò che sappiamo fare già. Il fatto è che ci vuole del tempo. È lo stesso principio della banca del tempo.
    Chi sa fare qualcosa di sartoria insegna ad altri come si fa, chi ha dimestichezza col legno, insegna a riparare i mobili ecc.
    ESEMPI
    Io ieri mi sono cimentanto nella riparazione di uno stendipanni. È un esempio banale, ma per molti oggetti che abbiamo in casa sono fissati l’unione delle varie parti viene fatta con colle o con rivetti. Togliere un rivetto che si è piegato con gli attrezzi casalinghi (p.es. dallo stendipanni) significa danneggiare in qualche modo il pezzo rivettato. Ma se si riesce a farlo senza troppi danni, poi si sostituisce con una vite+bullone e voilà, ciò che prima era programmato per essere non smontabile e irreparabile, diventa più flessibile. MA ci vuole tempo. Ieri ci ho messo mezz’ora e più. Qualcuno potrebbe dire: comprati lo stendipanni nuovo e fai prima. Sì, faccio prima senz’altro, ma creo un rifiuto inutile…

    Mio suocero elettricista ripara tutti i piccoli elettrodomestici. Quando ne deve riparare uno ci impiega più di un’ora di media. Senz’altro risparmierebbe a comprarlo nuovo, ma invece preferisce aggiustare. Devo assolutamente farmi insegnare…

    Troviamo il tempo; dobbiamo provarci.
    Ciao

    Davide

  4. il 28 Ott 2013 alle 20:55 4.Cri Gasrage said …

    Hai ragione…la doppia paternità ti ha reso ancor più saggio !!! 🙂
    sono le 9 di sera e io devo ancora preparare la cena…. per REGALARE il mio tempo ad un lavoro che nemmeno mi piace!!

  5. il 01 Nov 2013 alle 15:39 5.andrealice Gasrage said …

    guardate c’è speranza per tutti. quando ci siamo sposati, andrea nemmeno sapeva tenere in mano un cacciavite e adesso mi ha ristrutturato una vecchia credenza di famiglia facendola tornare uno spettacolo solo usando pezzi di legno usati o vecchi che avevano mio e suo babbo (con mani e mani di carta vetrata).
    Poi da una cassettina di legno di una bottiglai di vino ha realizzato un porta carta igienica pesantissimo ma spettacolare. sono ammirata. io che sono una “minorata” nei lavori manueli però nelle piccole riparazioni domestiche ho sempre provato a comentarmi anche con qualche successo con le biciclette dei miei figli ed i loro giocattoli ad esempiop.
    A Forlì esistono comunque piccole realtà che in questo aiutano come Arpe dove da anni mi ostino a portare i piccoli elettrodomestici per continuare a farli vivere anzichè buttarli e mi hanno sempre accontentato. 12 anni di ferro da stiro a vapore (di quelli un po’ sborini) con 2/3 riparazioni al max da 50€. idem per il televisore: una volta si è rotto e visto che è un po’m obsoleto tutti mi consigliavano di cambarlo ma con 50€ me lo ha riparato (Crociani) e funziona ancora alla grande. tra la’ltro da dicembre abbandoneremo il canone rai per inutilizzo, qualcuno è interessato ad adottare il nostro decoder digitale terrestre? lo regalo.

  6. il 05 Nov 2013 alle 12:13 6.RobertaC Gasrage said …

    Se riesci ad abbandonare la Rai, fammi sapere! io ci ho provato qualche anno fa, e mi hanno contattato più volte dicendo che anche con un Pc o Telefonino di ultima generazione si deve pagare lo stesso (perchè puoi vedere i programmi tramite loro!)
    che scandalo, ho rinunciato per ignoranza. Se sai come fare dimmelo
    Roberta

  7. il 06 Nov 2013 alle 09:02 7.daviglo Ca'Ossi said …

    Canone Rai: noi la lettera minatoria della Rai sul pagamento canone ce la siamo studiata bene (non abbiamo tv) e di fatto non parla di pc e radio. Altrimenti dovremmo pagare il canone anche per l’auto?? Era partita un’insurrezione quando avevano ventilato l’ipotesi di far pagare per il pc perché allora gli uffici quanto dovrebbero sborsare?
    Gloria

  8. il 10 Nov 2013 alle 05:12 8.babs Gasrage said …

    con 8 euro ho ricomprato la lama del vecchio (10 anni? bo) macinino moulinex e ho ritrovato un amico che non vedevo da 20 anni… per tutto il resto c’è mastercard, per chi vuole 😉

Subscribe to the comments through RSS Feed

Lascia un commento

Per inserire commenti clicca qui.