Posts or Comments 14 December 2018

Ordini Romeo G. Meldola | 04 Feb 2008 10:00 pm

Un’idea che ci potrebbe far crescere in consapevolezza.

Come ho espresso già ad alcuni di voi mi piacerebbe parecchio cercare di analizzare i prodotti che acquistiamo e magari confrontare un po’ i singoli componenti come compaiono nell’etichetta che ha un ruolo fondamentale. Una prima idea l‘avevamo pubblicata tempo fa ma è piuttosto contorta ed ora sperimentiamo un sistema nuovo.
Assieme a Marinella abbiamo iniziato un’attività di raccolta dati e confronto fra prodotti che ci si trovava in casa. In pratica riportiamo i singoli ingredienti in un foglio di calcolo (open office -calc) e riportiamo la funzione dell’ingrediente stesso (ad esempio: conservante, emulsionante, ecc.) riportando anche il tipo di classificazione che gli da un buon sito che permette analisi su queste singole materie prime: il biodizionario.

Come potete vedere le classificazioni del bio-dizionario sono 5 ma, per comodità io riporto le due verdi insieme e le due rosse insieme (anche perchè altrimenti servirebbe un ragioniere per stare dietro a tutto 🙂

  • Verde: Vai che vai bene ed “Accettabile”;
  • Giallo:ci potrebbero essere dei problemi ma, tutto sommato, si può chiudere un occhio soprattutto se il componente è alla fine degli ingredienti
  • Rosso: grandi problemi, se ne sconsiglia l’uso a meno che sia il solo componente pericoloso e che sia tra i componente presenti in misura minore (cioè elencato alla fine della lista INCI) ed “Inaccettabile”.

Probabilmente non sarà il massimo della scientificità ma non ho ragione di dubitare del creatore del sito che mi sembra piuttosto competente e risponde puntualmente anche alle critiche che gli vengono mosse. Vi assicuro che vedere i vari colorini che compongono il nostro prodotto a volte può provocare anche qualche sorpresa e, comunque, rafforza alcune impressioni che magari maturiamo.

Io onestamente non so se pubblicare questo file possa essere un problema e per evitare eventuali denunce sarei dell’idea che magari lo analizziamo insieme in una delle prossime riunioni ed eventualmente lo forniamo a chi lo richiede e partecipa alle riunioni (e così se uno vuole togliersi lo sfizio di avere il lavoro già confezionato deve partecipare… 🙂 e magari partecipa attivamente alla sua creazione.

A questo punto la mia proposta/richiesta è la seguente: chi utilizza prodotti sia del GAS che extra GAS che abbiano un certo utilizzo diffuso potrebbe cavarsi gli occhi per riportare, nei commenti a questa discussione, ogni singolo componente (uno per riga magari) io o altri volenterosi li analizzeremo sul biodizionario (se lui non riesce a farlo…) e li aggiungerò nel file unico di raccolta con appunto anche i colori distintivi. Se proprio ci sono problemi a farlo magari fate una foto dell’etichetta in cui si vede bene l’elenco dei componenti, il nome ed il produttore dell’articolo ed inviatela via mail ma … proprio se non potete fare come sopra.

Vi significo che al momento abbiamo catalogato i seguenti prodotti:

Detersivi liquidi per lavatrice:

  • Officina Naturae detersivo lavatrice
  • Aequa – Officina Naturae
  • Lympha Bucato

Lavapiatti:

  • Lympha Piatti
  • Officina Naturae
  • Aequa – Officina Naturae

Bagno schiuma:

  • Bagno sciuma Officina Naturae
  • Olio da bagno Ylang Ylang e zenzero – emolliente Natyr
  • Shampo/Doccia DERBE – Vitanova Schiumaderbe (Sesto Fiorentino – FI)

Deodorante:

  • Deodorante per il corpo all’Aloe vera — Natyr
  • Deodorante fresco mattino — Remedia

Creme corpo:

  • Crema giorno al burro di chiuri con yogurt —- Officina Naturae
  • Crema Gel Gambe e piedial tè verde – defaticante rinfrescante —- Natyr
  • Crema alla rosa per il viso e per le mani — Remedia Erbe
  • Gel Acido ialuronico – Farmacia Giardini Meldola

Tinta per Capelli:

  • Tinta per capelli Homocrin – Colorante all’aloe e filtro EPID/Aloe + Filtro equilibratore+ trattamento finale riequilibratore. Acquistata in erboristeria

Adesso a voi … dite che ne pensate … non abbiate paura a criticare purché costruttivamente!!!!

Saluti radiosi

Trackback This Post | Subscribe to the comments through RSS Feed

Lascia un commento

Per inserire commenti clicca qui.