Posts or Comments 23 November 2017

Riflessioni &Utilità Romeo G. Meldola | 20 Nov 2014 06:00 am

Zucchero si, zucchero no …

Alcune interessanti osservazioni e suggerimenti del professor Franco Berrino in merito a zucchero e dolcificanti che già conoscevo ma che mi fa piacere condividere con voi:

Il modo migliore per dolcificare è la frutta. Per esempio si può fare un’ottima colazione dolce con il muesli fatto con i fiocchi d’avena, capsule con le nocciole con l’uvetta sultanina, treat con pezzettini di frutta secca. Se noi invece al mattino mangiamo i biscotti zuccherati nel latte zuccherato si alza moltissimo la glicemia e quando si alza la glicemia il pancreas risponde producendo molta insulina che fa abbassare la glicemia perché permette allo zucchero di entrare nelle cellule. Sapete, le nostre cellule vivono bruciando glucosio. Però quando la colazione è molto dolce il pancreas produce molta insulina e allora dopo un po’ si va in ipoglicemia che vuol dire che più dolce si mangia e più viene fame di zucchero, perché quando si va in ipoglicemia si ha fame di zucchero. Questa è la ragione per cui molti giovani alla fine della mattina sono nervosi, sono distratti, non riescono a concentrarsi perché non c’è abbastanza zucchero nel sangue e non c’è abbastanza zucchero perché abbiamo mangiato troppo zucchero. Il miele è anche meglio dello zucchero, ma è meglio non mangiarlo a colazione. Il miele è meglio mangiarlo a merenda, dopo che si è fatto un’intensa attività fisica. Se avete fatto una partita di pallone di quelle che vi troncano, che vi fanno male le gambe, vuol dire che avete consumato tutto lo zucchero che è normalmente depositato nei muscoli sotto forma di glicogeno. I muscoli hanno consumato tutto i loro zuccheri e allora anche se entra qualcosa come il miele che fa aumentare molto rapidamente la glicemia, questa glicemia non farà danno perché andrà a rimpiazzare quello che è stato consumato 

 Saluti radiosi

4 commento a “Zucchero si, zucchero no …”

  1. il 20 Nov 2014 alle 08:05 1.Irene e Arturo Meldola said …

    Romeo
    queste pillole di saggezza che condividi con noi mi piacciono sempre tanto.

    grazie a te
    e grazie a tutto il gruppo
    grazie di esistere

    Irene

  2. il 20 Nov 2014 alle 10:49 2.Acquacheta Gasrage said …

    Spunto interessante, ma che andrebbe completato per avere un quadro, perchè è dura passare dal dolce dello zucchero a quello della frutta..la via per migliorare è fatta di piccoli passi..anzitutto bisognerebbe sempre ribadire che lo zucchero bianco è un vero e proprio veleno, che andrebbe categoricamente evitato, come evitati andrebbero tutti i cibi e le bevande che lo contengono. Sostituendolo in prima battuta con lo zucchero di canna grezzo e che poi esistono tanti “dolcificanti” più o meno naturali, più o meno complessi, più o meno “sani”. Uno dei più nobili è senza dubbio il malto di cereali che per molti aspetti risulta anche “superiore” al miele e adatto ai vegani. Tra l’altro come GAS abbiamo la fortuna di avere un ottimo produttore di malto a km0 che ci rifornisce, che è anche il primo produttore di malto italiano. Qualche link al riguardo:

    http://www.greenme.it/mangiare/altri-alimenti/4801-dolcificanti-naturali-10-valide-alternative-allo-zucchero-bianco

    http://esseresani.pianetadonna.it/come-scegliere-i-sostituti-naturali-dello-zucchero-169031.html#steps_1

    Un libro interessantissimo:
    http://www.macrolibrarsi.it/libri/__sugar_blues_il_mal_di_zucchero-edizione_aggiornata-ampliata.php

    Un via di uscita dal circolo vizioso dello zucchero ( e non solo):
    http://www.laviamacrobiotica.it/

    Pareri controversi ci sono sul succo d’agave però è una cosa che ancora non ho avuto modo di approfondire.

    Ciao!

  3. il 20 Nov 2014 alle 12:44 3.ClaudiaZ Gasrage said …

    Bello che si parli di zucchero anche qui da noi!
    Io sono un po’ di parte perché sono altamente contraria allo zucchero (soprattutto sui bambini) e poi perché sono la referente del malto, quindi la mia posizione è già chiara fina da subito! 😉
    Lo zucchero è dannoso, non c’è scampo. Anche quello di canna grezzo non se la passa bene. Dopo aver letto “Sugar Blues” che consiglia anche Stefano di sicuro non si tocca più neanche un granello di zucchero!
    Secondo molti pareri l’unico dolcificante non dannoso è il malto di riso o di miglio (malto NON sciroppo) perché a differenza dello zucchero (e di altri dolcificanti) è un alimento ed è di più lento assorbimento rispetto allo zucchero.
    In molti casi lo zucchero non è nemmeno un alimento vegan perché alcune aziende produttrici pare che usino carbone animale fatto con le ossa di mucca…
    Personalmente ho eliminato da tantissimi anni lo zucchero e tutti i dolcificanti (eccetto il malto) e devo dire che le volte che mi capita di assaggiare qualcosa che abbia zucchero bianco, zucchero di canna o il terribile fruttosio riporto subito i sintomi classici da assunzione di zuccheri semplici.
    Devo anche constatare che eliminare lo zucchero non è banale, ho usato il mio moroso come tester, stando con me ha eliminato bruscamente l’assunzione di zucchero, è stato in pratica “obbligato” avendo a disposizione solo dolci fatti (da me) con il malto. Le prime settimane non se l’è passata bene. 😉 Si ha una sorta di “crisi di astinenza”, il corpo si deve abituare a non avere più la sua “dose” di “droga” giornaliera. Comunque nulla di tragico, sia chiaro!
    Se dovessi consigliare una “purificazione” da zucchero consiglierei di farla gradualmente. Comunque una volta eliminato lo zucchero si sta benissimo! Si è molto più carichi di quello che si pensa!

    Sul discorso sciroppo d’agave ho qualche dubbio, oltre ad essere prodotto lontano (=inquinamento) è troppo ricco di fruttosio, quindi personalmente non lo vedrei come un’alternativa allo zucchero.
    Ultimamente è di gran “moda” lo zucchero di cocco, non so se qualcuno di voi lo ha provato… È prodotto sempre lontano però pare essere una buona alternativa allo zucchero soprattutto nelle preparazioni che richiedono uno zucchero “solido”.

    Sono d’accordo con Berrino sul discorso frutta (ci mancherebbe!), io aggiungerei anche la verdura, la zucca Hokkaido è molto dolce e nelle preparazioni dolci è fantastica, insieme all’uvetta poi!! Qui c’è una ricetta fantastica con zucca e uvetta e zero zucchero: http://www.kitchenbloodykitchen.com/2008/02/crostata-di-zucca-e-noci.html

    Comunque il mio dolcificante preferito resta sempre il malto di riso e come dice anche Stefano abbiamo la fortuna di avere il primo e forse unico produttore artigianale di malto vicino a casa…

    Online ci sono tantissime ricette senza zucchero o con meno zucchero, quindi le alternative ci sono! E non sono tristi! 😉
    Queste sono alcune delle mie fonti se possono essere di aiuto:
    http://sognigolosi.blogspot.it
    http://lacuocapetulante.blogspot.it
    http://ravanellocurioso.wordpress.com
    http://www.cuoredirapa.it
    oltre a laviamacrobiotica.it che ha già segnalato Stefano.

    Queste sono solo le mie personali opinioni ed esperienze.
    Ciao,
    Claudia

  4. il 20 Nov 2014 alle 13:26 4.Acquacheta Gasrage said …

    Eh va bè ma qua ci sono delle professioniste!
    Voglio proprio provare a fare la tua torta di zucca e noci, Claudia.
    E parlando di cocco, mi viene in mente che ultimamente mi sono divertito con 2 dolci semplici semplici da fare e buoni buoni da mangiare, che consiglierei:

    Bounty crudi (viene ottimo anche sostituendo il succo d’agave col malto di riso):
    https://www.cibocrudo.com/ricetta-cibo-crudo/70/bounty-crudi.html
    Però è molto raffreddante visto il cocco e l’olio di cocco, quindi poco consigliato per il freddo

    Budino di cachi (viene ottimo anche con le meline selvatiche di Loris):
    http://www.laviamacrobiotica.it/budino-di-cachi/

    Ma i miei preferiti (per adesso) restano la torta di riso e il castagnaccio, la prima con malto e il secondo con solo uvetta/ cioccolato in superficie come dolcificanti, da mangiare a quintali..
    Ciao,
    Stefano

Subscribe to the comments through RSS Feed

Lascia un commento

Per inserire commenti clicca qui.