Categorie
Riflessioni

Trasparenza nel finanziamento alle armi – che si fa se ce la vogliono togliere?

Se effettivamente si pensa di usare anche l’espediente di rendere opaco il tracciamento del commercio ed esportazione delle armi rendendo anche irriconoscibili le banche che finanziano questi significa che ci stiamo veramente preparando ad una economia di guerra. Anche l’indipendente ne ha parlato e mi pare di capire che l’intento di occultamento sia bipartisan

Io dico solo una cosa per quanto m riguarda, non ci sto!

Come feci un digiuno a staffetta contro gli acquisti degli F35 sono disponibile a qualsiasi iniziativa di protesta e a prendere anche manganellate (tanto ormai è così che si sedano i facinorosi che provano ad esprimersi per la pace…). Veramente triste la piega che ha preso l’umanità in Italia (e non solo…), ed inquietante il silenzio che ci circonda. Mi verrebbe da dire che le strategie individuate da Chomsky oramai vengono applicate non più singolarmente

Viviamo tempi difficili, cerchiamo di non farci sopraffare!

Saluti radiosi

 

Categorie
Riflessioni

Il mutuo aiuto e la Solidarietà – e i social?

La pandemia passata ci ha un pò tutti pesantemente terremotato (almeno quasi tutti); Whats App e la facilità di commentare (e conseguentemente essere fraintesi) ci ha ulteriormente diviso.

Come dice il nostro Pietro: la malattia dell’inoltro (di qualsiasi articolo, post, video, registrazione, fotografia) è alla portata di un semplice click e diventa “epidemia” …. e non conti più le interazioni. Ad un certo punto, essendo il tempo umano “finito”, arrivi a mettere tutto come letto e amen. Perdi cose importanti e meno ma … perdi … e con me perdono anche gli altri dentro al gruppo. In fondo la “perdita” ci unisce ancora una volta.

Sono arrivato più di una volta ad uscire dai gruppi WA perché mi rendo conto di risultare divisivo e questo mi fa pentire ogni volta che poi ci ricasco. Un gruppo su WA è chiuso quindi è meno facile pesare le parole che si scrivono o registrano.

Quanti compagni di strada persi per questo o quel commento, quante perdite! Poi, però, ci sono gruppi speciali con cui, ad esempio, ci si organizza per coprire i turni alla mensa Caritas di Forlì, o altri dove ci si organizza per la cura dei sentieri e del nostro amato Bidente …. e realizzo che anche in mezzo all’oceano, ci sono dei porti sicuri.

Il blog non è troppo meglio ma, essendo pubblico, almeno mi porta a pesare le parole e, soprattutto, rileggere anche più volte per affinare il concetto per come lo sento più “mio”.

Categorie
Riflessioni

Consumi energetici di casa e migliori offerte, sempre migliori!

Come penso anche voi sono tempestato di chiamate da parte di venditori di Gas e luce …. si sono calmati quelli della telefonia ma qualche volta arrivano pure loro…
Sapete che il settore energetico mi interessa anche professionalmente quindi volevo avanzare a chi è interessato una semplice proposta.

Da qualche anno ho provato a “registrare” le spese sui consumi di un caro amico per riuscire a capire realmente il costo al kW/h dell’energia elettrica o al Mc di Gas metano REALE anche per fare scelte consapevoli nei cambi di gestore.

In tutte le proposte che ho esaminato con anche il mio amico (anche quelle a prezzo bloccato…) secondo me è proprio il dato che manca (anche la fluttuazione dei mercati non rende facile la cosa). In pratica, se chiedi a uno di questi gentili venditori quanto costerebbe annualmente un definito quantitativo di Gas o Energia elettrica, nessuno risponde con certezza e mettendo per iscritto nella conseguente documentazione contrattuale.

Facile che venga sbandierato un risparmio ben quantificato nella quota pura relativa all’energia, ma non sempre è facile individuare i costi del trasporto o la quota fissa o qualche altro balzello fiscale … Ma come detto alla fine è comunque “la somma che fa il totale”.

Piacerebbe a tutti avere la soluzione ritagliata su se stessi ma chi ci telefona deve prima di tutto convincerci, e nel minore del tempo possibile, purtroppo. Ed in più bisogna sempre stare attenti a dire si  a qualche domanda …  👿

Mi piacerebbe quindi avviare un confronto sui vari fornitori che ognuno di noi ha a casa (limitiamoci alle bollette domestiche con questa analisi), con i nostri consumi reali e le bollette REALI che paghiamo;  senza questi dati difficilmente riusciamo a fare una scelta consapevole ed è anche successo che qualche scelta si è rivelata un boomerang a distanza di tempo per alcuni amici.

Vi sottopongo qui il riepilogo del caro amico che vi dicevo;

Categorie
Comunicazioni di servizio Ordini Riflessioni

Carta Igienica Gastona!

Ciao gente sono Pietro.

C’è un’inclinazione che ci unisce davvero tutti:
quella che assumiamo sulla tazza del cesso.

Questa notte mi sono imbattuto in GASTONA e vi lascio il loro
MANIFESTO

Visto che si parlava di carta igienica all’ultima plenaria, ho pensato che potesse interessarvi.
In un primo momento ho sorvolato pensando che fosse la solita “cxgxta” ma poi leggendo più attentamente mi sono accorto che il concetto non è sbagliato, anche se il bambù è considerata una coltivazione non autoctona, la cosa mi ha stuzzicato perché pensandoci bene è più ecologica e sostenibile del semplice fatto di tagliare alberi per pulirsi le chiappe!
Il bambù come ben sappiano nel suo ciclo vitale, che non finisce mai perché quando viene tagliato si rinnova, non ha bisogno di acqua e purifica aria e terreno molto di più di altre coltivazioni…vi lascio nel link qualche altro buon motivo per provarla e se vi stuzzica l’idea di andare a defecare in modo più sostenibile del semplice fatto di usare carta igienica riciclata?!?
Ho chiesto anche informazioni, perché fanno prezzi speciali ai GAS, ma devono ancora rispondermi.
L’unica pecca che per ora ho trovato è che tutto questo ciclo produttivo viene fatto in SPAGNA, ma ben venga comunque.

Che ne pensate?

Buona …serata!

Pietro

Categorie
Riflessioni

I soldi non salveranno il pianeta dalla rivista Internazionale

Ho letto questo articolo su Internazionale di qualche settimana fa e mi è sembrato interessante. Ho pensato di condividerlo, nello spirito che si è richiamato stasera in plenaria. È lungo ma si legge bene.

Categorie
Riflessioni

La politica … ma cos’è? Possiamo affrancarcene?

Sono un pò di giorni che sulla chat di quel canale “deleterio” che è whatsapp ci “becchiamo” su aspetti che potrebbero venire reputati  “politici”.

Gli argomenti sono i più disparati e si va dall’intervista integrale a Putin fatta da poco, alle manifestazioni degli agricoltori Italiani per poi passare a proposte di legge di iniziativa popolare ed altri aspetti.

Ho provato a tirare fuori l’atto costitutivo degli inGASati Gaspaccio (ma che ritengo identico per tutti i sottogruppi); ci trovo un richiamo al “voto” che, probabilmente, è il “culmine” della azione Politica fino a quel momento svolta e, forse, l’unico obbiettivo vero del “politico”:

 L’Associazione sostiene che “si vota ogni volta che si fa la spesa” nonché ogni volta che si decide come e cosa mangiare. Per tentare di acquistare direttamente dal produttore, limitando il tempo e le risorse necessari, l’Associazione effettua gli acquisti per tutti i suoi associati. L’elemento che caratterizza l’Associazione è la “S” di Solidale, cioè un atteggiamento di auto-mutuo aiuto che si attua nei confronti sia dell’ambiente, sia dei produttori/fornitori, sia degli altri associati.

L’Atto costitutivo è registrato all’Agenzia delle Entrate, ma esiste anche il Gaslateo che è immortalato nel nostro blog e cita:

Categorie
Riflessioni

Nuove tecniche genomiche (NGT) …. l’evoluzione degli OGM, che ne pensi?

 

Sono abbonato da sempre ad AAM Terra nuova che consumo voracemente e da cui prendo tanti spunti e stavolta ho deciso di condividere con voi un articolo essenziale ma che racconta direi bene questo argomento in oggetto e l’intendimento della Comunità Europea.

L’articolo mi pare ben fatto e chiaro, nel frattempo il Parlamento Europeo si è espresso,. Sta accelerando parecchio per chiudere i capitoli che avevano in sospeso perchè poi non si sa che succederà con le elezioni oramai alle porte. Ho le idee piuttosto chiare sulla scelta che farò per le prossime Europee così come ho idee definite ma continuamente in revisione sui vecchi OGM. Ci intravedo intenzioni di ridenominazione del termine,  ormai desueto e compromesso e devo ammettere la finezza che sanno esprimere nel ri-denominare qualcosa di sostanzialmente identico.

Ma tu che ne pensi? Mi piacerebbe un confronto civile sul tema senza per forza tirare di mezzo la scienza come bussola ma esprimendo una propria visione di quello che potrà accadere.

Saluti radiosi

Categorie
Riflessioni

I piselli e l’agricoltura.

Ragazzi, torna il contadino che è in me … provo a mettere le mani nella terra ed oggi ho piantato i piselli comprati da Fabio al Consorzio e le fave calabresi scambiate allo scambio semi qualche domenica fa.
Non vi dico la sorpresa a trovare i piselli finalmente di un colore più simile al loro (erano praticamente verdolini…); ne avevo avanzati da anno scorso che erano completamente rossi. Parlando con Fabio mi ha spiegato che la commissione europea ha imposto di smettere di conciare i piselli e l’Italia si è immediatamente allineata … chi lo ha proposto era di non ricordo quale Nazione che, naturalmente, se ne è fregata e continua a conciarli con quella sostanza rossiccia che nemmeno so cos’è ma sicuramente macchiava pure le mani…
Non so se sia vero ma il cambio l’ho verificato direttamente e ne sono certo e l’ho pure fotografato (lo so … non sono bio … ma non sono riuscito a trovarli in 4 e 4otto, purtroppo).

Categorie
Gite e Viste Riflessioni

Raccolta olive da Margherita – stagione 2024 – raccolta adesioni

Buongiorno a tutti,

Ieri mi ha scritto l’amica Margherita che sta valutando proprio in questo periodo se affittare ancora il suo uliveto o se provare a riprenderlo in gestione diretta.

Mi ha chiesto se, dopo l’esperienza fatta, in special modo nel 2022, siamo ancora interessati a partecipare alla raccolta e in quanti potremmo essere e per quanti giorni. Sta sentendo anche con altri perchè gli ulivi sono tanti e, se riesce a comporre più gruppi per coprire tutti gli ulivi, sicuramente avremmo la possibilità di rifornirci di buon olio dove c’è anche la nostra componente di sudore.

L’idea di massima è sempre quella della raccolta condivisa facendo a metà con la proprietà.

A questo punto, sapendo che il periodo di raccolta è verso ottobre vi chiedo di inserire un’idea di massima sia del numero di adulti che del numero di giornate di disponibilità scrivendole nei commenti. Naturalmente anche i bambini saranno ben accetti e potranno certamente fare la loro parte ma, per capire la reale forza lavoro, al momento ci concentriamo sui soli adulti 🙂

 

Dai che ce la facciamo a farci il nostro olio di qualità … e anche il prezzo agli scaffali penso che possa aiutare a fare una “scelta di campo” più oculata 🙂

Metto anche qualche foto di repertorio ben certo di aver raccolto tutte le liberatorie privacy previste, vi sblocco il ricordo?

Saluti radiosi

P.s. Ricordiamoci sempre che l’olio di oliva è forse il migliore degli alimenti che abbiamo a disposizione

Categorie
Furgoncino Solidale Riflessioni

Furgoncino solidale … novità e … il viaggio prossimo, che si fa?

Whatts app sta spegnendo la comunicazione sul blog, risulta facile ed immediato anche nei riscontri ma è sempre più lontano dall’essere una vetrina per chi si affaccia sul mondo gasista.

Ieri sera non so se altri si sono collegati alla plenaria ma volevo segnalare alcune cose essenziali a cui sono riuscito ad assistere:

  1. Prossimo giro di Pasqua per il 18-19-20 Marzo quindi occorre attivarsi presto, se vogliamo aderire, per comunicare gli ordini entro il 15 di febbraio.
  2. Giri successivi pianificati: 16-17-18 settembre e 2-3-4 dicembre
  3. Incontri con i fornitori dei gruppi di acquisto da cui ordiniamo: è in corso di organizzazione un momento di incontro per conoscere i produttori del furgoncino on line per circa 1,5 ore ad incontro e in cui si conosceranno 4 produttori ad incontro quindi segnatevi impegnati le sere del 08 febbraio, 22 febbraio , 14 Marzo
  4. Siccome le visite on line stanno strette a tanti (primi tra tutti i produttori) si è proposta la creazione di un tavolo organizzativo che segua e organizzi le visite stesse in loco; dagli sguardi, i sorrisi, il paesaggio che si vede si percepisce molto meglio la genuinità di quello che stiamo cercando di portare avanti con il furgoncino. Indovinate chi si siederà a quel tavolo degli inGASati? 🙂

Quindi avanti con le opinioni nei commenti … saluti radiosi